Newsletter

Ricevi il bollettino meteo di Umbrialive!

Iscriviti

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
20-09-2017, 04:16
Italian English French German Spanish
Webcam Parco dei Monti Sibillini
Sassotetto, Rifugio la Capannina
Condividi: Facebook E-mail
Hotel Felycita
Frontignano di Ussita MC
La Vostra Cantina
Castelluccio di Norcia PG
Il Parco dei Monti Sibillini

La vasta area del Parco, fondato nel 1993, si estende per oltre 70.000 ettari a cavallo di Umbria e Marche, abbracciando un fantastico territorio collinare e montuoso, che si innalza sino ai 2476 metri del Monte Vettore.

Inutile sottolineare come l’intera area racchiuda tutte le caratteristiche dell’Appennino, con ripide e scoscese pareti calcaree alternate a vallate ricoperte di fitti boschi di faggio, cerro e pino, solcate da numerosi corsi d’acqua, più o meno impetuosi.

Tra questi fantastici paesaggi è possibile praticare ogni tipo di sport legato alla natura, come trekking, parapendio e rafting, senza dimenticare lo sci nordico e quello alpino durante la stagione invernale.

Tra i diciotto comuni che ne fanno parte, i più importanti sono senza dubbio Norcia, e Visso, sin dal passato punti di riferimento di questo territorio ancora strettamente legato alla natura ed ai prodotti tipici della terra.

Norcia, che domina la pianura di Santa Scolastica, si mostra agli occhi del visitatore protetta da una cinta muraria risalente al XIII secolo, che al suo interno racchiude un patrimonio artistico notevolissimo, affiancato a quello altrettanto importante dei prodotti tipici (tartufo e salumi) che hanno contribuito a renderla nota a livello mondiale.

Allo stesso modo Visso, sede del Parco, sorta sulla confluenza di ben cinque vallate diverse, ognuna attraversata da un corso d’acqua, ed immersa in fitti boschi che risalgono le pendici del Monte Bove, che la sovrasta.

Ma è forse il piccolo abitato di Castelluccio di Norcia il vero simbolo del Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Sorto a quasi 1500 metri di quota, domina con la sua posizione rialzata l’immenso Pian Grande, un altopiano carsico cinto ad est dal Monte Vettore. Un panorama incredibile, che toglie il fiato ogni volta che lo si osserva, aprendosi quasi magicamente per 20 chilometri tra le imponenti catene rocciose che lo circondano.

E non è un caso che parli di “magia” in queste terre, sin dal Medioevo legate a storie di demoni e fate. Secondo le antiche credenze, infatti, in questi luoghi si troverebbe la grotta che fu abitata dalla Sibilla, un luogo incantato in cui una fata riceveva le visite dei coraggiosi che volevano conoscere il proprio futuro.

Luoghi mistici, in cui aleggia ancora oggi del mistero, come ai Laghi di Pilato, due piccoli specchi di acqua che si formano in estate all’interno del catino glaciale compreso tra la vetta del Redentore ed il pizzo del Diavolo. La leggenda vuole che Pilato, dopo aver fatto crocifiggere Gesù, venne gettato da due bufali nel lago, infestato dai demoni. Per questo ogni anno le sue acque si colorerebbero di rosso,  colore del suo sangue. Ma oggi sappiamo che tale caratteristica deriva dalla presenza di rarissimo microrganismo, un chirocefalo presente soltanto in queste acque, che è appunto di un colore rosso vivo.

 

INFORMAZIONI TURISTICHE
Ente Parco Nazionale dei Monti Sibillini
Piazza del Forno, 1  62039 VISSO (MC)
Tel. +39 0737 972711 - Fax +39 0737 972707
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

I Comuni

  • ACQUACANINA
  • AMANDOLA
  • ARQUATA DEL TRONTO
  • BOLOGONOLA
  • CASTELSANTANGELO SUL NERA
  • CESSAPALOMBO
  • FIASTRA
  • FIORDIMONTE
  • MONTEFORTINO
  • MONTEGALLO
  • MONTEMONACO
  • NORCIA
  • PIEVEBOVIGLIANA
  • PIEVETORINA
  • PRECI
  • SAN GINESIO
  • USSITA
  • VISSO
Banner
Banner
 102 visitatori online
© Copyright Umbriameteo snc - Design by 300dpi STUDIO - Sviluppo danielefazzioli.com